Basso elettrico Fender Jazz Bass del 1963

Project Details

CLIENT

DATE

IN

SKILLS

LINK

PROJECT DESCRIPTION

Questo Fender Jazz bass del 1963, dopo essere stato ritastato più volte, aveva la tastiera talmente sottile che in alcuni punti non arrivava al mezzo millimetro.

Come potete osservare il piantaggio dei tasti, sborda fino all’acero. Per rimediare a ciò era necessario sostituire completamente la tastiera scolando quella vecchia e rincollando quella nuova realizzata in palissandro molto stagionato e dello stesso tipo dell’originale.

Prima di questa operazione è stato necessario defrettare il manico e recuperare i clay-dots in modo da poterli riposizionare successivamente.

Come si può notare dalla foto su questi strumenti, la tastiera era incollata già bombata sulla base del manico con uno spessore di circa 2 mm.

Prima di scollare la vecchia tastiera ne abbiamo realizzata una nuova già con gli intagli, avendo provveduto a segnare l’interasse sul manico per il riposizionamento di quest’ultima.

Dopo aver scollato pazientemente a caldo il palissandro abbiamo provveduto a ripulire meticolosamente la superficie in acero del manico in modo da prepararlo per l’operazione successiva

Per incollare la nuova tastiera è stato necessario bagnarla e curvarla a caldo per evitare che si rompesse durante l’incollaggio per la pressione esercitata su di essa.

Mediante un lungo tampone concavo è stato possibile posizionare le due parti e ottenere così una perfetta adesione in tutti i punti.

Dopo avere rimosso le morse occorreva rifilare i bordi, rifare la sede dei dots, quella del nut e poi passare alla ritastatura, con frets originali.

Per evitare di intaccare la verniciatura originale della paletta è stata adottata una particolare cura per realizzare l’inclinazione dietro il nut del palissandro con l’acero.

L’ultima fase riguardava l’assemblaggio totale dello strumento che come potete vedere in foto adesso si presenta con questo aspetto.