Chitarra Enrico Ventura (primi 900). La chitarra che ride!!!

Project Details

CLIENT

DATE

IN

SKILLS

LINK

PROJECT DESCRIPTION

Nel corso degli anni, questo strumento acustico dalla sua linea particolare ed affascinante, ha dovuto subire alcuni interventi a causa del ritiro dei legni e delle conseguenti rotture. Abbiamo pensato che valesse la pena recuperarlo e renderlo funzionante. (foto 6159-6163-6165-6168)

La prima cosa che abbiamo pensato di fare è stata quella di staccare il fondo della cassa armonica, in maniera da poter accedere comodamente e più meticolosamente al suo interno. (foto 6172-6174-6177-6179-6180)

È stato indispensabile rincollare le catene per ridare stabilità nonché chiudere le fessure presenti.

Questo lavoro ha richiesto parecchie fasi di intervento, alcune è possibile vederle nelle foto seguenti. (6183-6185-6187-6192-6194)

Sia il fondo (costituito da un bellissimo acero marezzato) sia la tavola armonica (del legno di abete) negli anni si sono ritirate provocando alcune spaccature. Esse in passato, erano state riparate grossolanamente con dello stucco.

Al contrario noi abbiamo cercato, tra i nostri legnami, alcuni pezzi dello stesso tipo realizzando meticolosamente delle sottili strisce da inserire nelle crepe, al fine di chiudere completamente e consolidare le suddette parti. (6195-6209-6211-6213-6216-6218)

Molta attenzione abbiamo dedicato all’incollaggio del ponte (un’area delicata ed importante della chitarra); Esso, con la sua forma molto particolare, presentava alcune rotture ed oltretutto si era scollato per metà dalla tavola (ormai deformata).

Il nostro intervento è stato quello quindi di raddrizzare la tavola e successivamente consolidarla con il ponte. (foto 6219-6220)

È stato necessario effettuare un ripristino anche alle fasce, il cui legno, ritirandosi, è stato sfondato in alcuni punti dalle catene. Mediante l’uso di tamponcini e morsetti, esse sono state perfettamente ripristinate. (foto 6221-6222)

A questo punto ci trovavamo con fondo, fasce e tavola armonica completamente risanati, ma rimaneva ancora da richiudere la cassa.

Mediante l’uso di nastro telato, morsetti e cagnette, in due fasi siamo riusciti a richiuderla e a ridarle la sua forma. (foto 6223)

Il problema ora consisteva nell’ammanco (anche se puramente estetico e non strutturale) di materiale sulle due spalle posteriori, rendendo così indispensabile realizzare una giunta che completasse il bordo. Questa è stata realizzata con un acero dello stesso tipo, tagliato ed applicato in modo che, a lavoro finito, non si vedesse. (foto 6225-6229-6231-3232)

Ultime fasi della chitarra: ritocco di alcune parti e ripristino della finitura mediante vernice a tampone. (foto 6233-6234-6235)

Dopo averne ripulito la tastiera (già in buone condizioni) lucidato i tasti e montato le corde, guardandola nella sua nuova veste, finalmente tutta intera e perfettamente funzionante, ci pareva quasi sorridente, contenta di essere rinata! foto (6236-6239-6242-6248)