Jocker series

Project Details

CLIENT

DATE

IN

SKILLS

LINK

PROJECT DESCRIPTION

Tutti i nostri bassi non sono altro che un’evoluzione del Fender, con l’intento di “personalizzare” ciò che è stato “il basso per eccellenza”!

Nasce da noi così l’idea di costruire e produrre uno strumento semplice, ma con la caratteristica di “far suonare prevalentemente il legno”.

Sfruttando la stessa scala di 34 pollici e gli stessi materiali primari, quali il frassino per il body, l’acero per il manico e il palissandro per la tastiera, abbiamo cercato di ottenere un suono lineare, che esca sempre in modo pulito, netto, caldo e perforante.

Per questi motivi “viene alla luce” la linea Jocker, nella versione 4 e 5 corde e di seguito in molteplici varianti.

La particolarità di questi strumenti, sta nella precisione dell’inserimento manico/corpo, fissato da cinque robuste viti. La precisione con cui vengono realizzati gli scassi per il manico sono, a dir poco, maniacali; Questo permette una perfetta congiunzione che assicura un’ottima conduzione e definizione sonora, con un ottimo sustain.

Il Jocker modello base non ha elettronica attiva, mentre il modello “A” dispone di circuitazione attiva/passiva, con un tono passivo quando viene bypassata l’elettronica. Quest’ultima è a due vie (bassi e acuti) e sfrutta le frequenze medie naturali del frassino del corpo.

Le varie versioni si differenziano per via del tipo di materiale impiegato per la realizzazione della tastiera. Palissandro per un suono più morbido, acero per sonorità più brillanti e ebano per una timbrica più incisiva e potente.

I modelli base sono rifiniti con una verniciatura a poro aperto, in versione natural, mentre le colorazioni e i top con legni quali acero marezzato, quilted o pioppo sono optional.

La versione con doppio pickup al ponte, permette di ottenere varie timbriche, selezionando il selettorino che splitta il pickup in single coil, serie parallelo, dando la possibilità di usufruire al massimo tutte le timbriche, dalle più moderne alle più tradizionali, lasciando così spazio all’applicazione in vari generi musicali.